Rewind – 25 04

#popevents | 0 commenti

GIOVEDÌ 25 APRILE | h. 18.30 | Passioni, via Sigonio 382, Modena

L’esplosione di Internet, ma soprattutto la creazione dei social network, ha generato un clima di continuo scontro e sospetto nel dibattito pubblico e nello scambio civile di idee tra cittadini, trovando terreno fertile per il proliferare di fake news, sia nella cronaca attuale sia nella cronaca storica.
Questo ha fatto sì che ognuno di noi abbia una domanda ricorrente quando legge qualcosa su Facebook, un articolo di giornale o una pagina di Wikipedia: quello che sto leggendo è vero?
A partire dalle sollecitazioni proposte dal gruppo di ricerca sui falsi storici “Nicoletta Bourbaki” all’interno del libro Questo chi lo dice? E perché? svolgeremo dei veri e propri esercizi per imparare a districarsi tra bufale e fake news e a interpretare immagini e contenuti che quotidianamente ci vengono proposti sui mezzi d’informazione di ieri e di oggi.

Interventi di:
Lorenzo Filipaz
Membro del gruppo di lavoro sui falsi storici «Nicoletta Bourbaki», all’interno del quale si è occupato soprattutto di storia del confine orientale, con una particolare attenzione per gli esodi dall’Istria.

Federico Tenca Montini
Dopo la laurea in Sociologia ha conseguito un doppio dottorato in storia contemporanea all’Università di Teramo e a quella di Zagabria. È autore di saggi su riviste scientifiche e non, tra cui Internazionale, oltreché di una monografia sul dibattito pubblico intorno alle foibe in Italia, Fenomenologia di un martirologio mediatico. Le foibe nella rappresentazione pubblica dagli anni Novanta a oggi. Ha partecipato a convegni e seminari in Italia e all’estero. Attualmente è ricercatore presso l’Istituto friulano per la Storia del Movimento di Liberazione.

///////

A seguire PIZZICA, FOLK e REGGAE con i Nati Così!

NATI COSÌ
Sono una band con ampia esperienza live che propone un colorato spettacolo di musica folk e rock, reggae e pizzica salentina. I brani suonati attingono dal meglio della tradizione popolare dal nord al sud Italia, reinterpretati con l’unico obiettivo di far divertire e ballare. “Original Rock’n Pizzica from Lecce to Modena”: incontro e mescolanza di generi apparentemente distanti fra loro, ma che sono, insieme, la forza stessa del progetto. Il Sud Italia come terra d’origine, che si ritrova nella passione e nell’energia dei pezzi suonati e nello stile unico del gruppo: per dare nuova vita alle tarantelle e ai canti tradizionali, una svolta in chiave moderna che miscela stili musicalmente diversi, ma con un risultato assolutamente coinvolgente! Un percorso musicale attraverso la Pizzica, la Tammurriata, le serenate e i canti di lavoro: i la tradizione italiana, si fonde e rinasce nelle sonorità rock e ragamuffin, creando visioni sonore di volta in volta differenti fra loro, ma legati sempre dalla passione e dal rispetto del repertorio popolare del Sud Italia. Gli arrangiamenti originali, la carica emotiva e tecnica dei musicisti, creano uno spettacolo di forte impatto, che emoziona, diverte e assolutamente scatena il pubblico nella danza! Completa lo spettacolo a presenza dei danzatori, che interpretano la musica, passando dai passi tradizionali a coreografie più moderne, di mescolanza con le maggiori danze etniche. Gesti, sguardi intensi, movimenti….regalano dapprima un coinvolgente e sensuale ballo da guardare…poi si mischiano alla gente per condividere con loro il momento sociale e coinvolgente della danza!….così che il pubblico possa sentirsi partecipe e alla fine coinvolto nella danza.

Dino Cuna: Voce
Antono Negrogno: Chitarra elettrica, chitarra acustica, mandolino
Geo Fontanini: Chitarra portante
Danilo Zotti: Tamburello, tamorra, castagnette, armonica a bocca, flauto, lira calabrese
Francesco De Micheli: Tamburello, percussioni, darbuka
Stefano Meleti: Basso
Giuseppe Violante: Batteria

///////

Organizzato da PopHistory e Passioni
Con il sostegno del Comitato per la storia e le memorie del Novecento
In collaborazione con Istituto Storico Di Modena

///////

INGRESSO LIBERO
Per prenotare: 351 5660689