#popidentity

Flavio Borelli

Flavio Borelli

Il mio nome è Flavio Borelli e sono nato nell’anno in cui scoppia tangentopoli e nel quale viene inviato, da un computer ad un cellulare, il primo SMS della storia. Vengo da Pavullo Nel Frignano, un modesto paesello situato nell’appennino modenese in cui, oltre alla passione per gli accostamenti sobri (vedi sopra), sviluppo l’interesse per la musica, la storia, le crescentine e il buon lambrusco.
A sette anni inizio a dare voce alla prima di queste mie grandi passioni cominciando, un po’ per caso e un po’ per imitazione, a prendere delle lezioni di chitarra che sarebbero culminate molti anni più tardi con un diploma in chitarra classica presso l’Istituto Pareggiato “Vecchi-Tonelli” di Modena.
La passione per la storia prende corpo tra i banchi del liceo e in particolare nel periodo della mia formazione universitaria durante la quale maturo l’interesse per i movimenti sociali e politici italiani del ‘900.
Nel 2019, in occasione del Master in Public History presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, riesco a fondere queste due “anime” realizzando un progetto di ricerca, raccolta e archiviazione di diversi canti di tradizione popolare presenti nella zona dell’appennino tosco-emiliano in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea di Modena.
E per quanto riguarda le crescentine e il lambrusco? Beh, quello che posso dire è che sono stati il collante imprescindibile di anni di storie, di musica e di vita.